CERCA NEL PORTALE

“Neomateriali nell’economia circolare’’

Workshop Catas e Material Connexion Italia

“Neomateriali nell’economia circolare’’

Le risorse del pianeta, si sa, non sono inesauribili e il loro impiego nel tradizionale percorso lineare produco-consumo-dismetto non è più sostenibile. L’economia circolare supera questo schema cercando di reimmettere nel ciclo produttivo la maggior quantità possibile di risorse.
Proprio il tema dell’economia circolare e, in particolare, del ruolo dei nuovi materiali è al centro del workshop “Neomateriali nell’economia circolare’’ che si svolgerà il prossimo 6 dicembre, dalle 16 alle 18, presso la sede del Catas a  San Giovanni al Natisone.
All’evento, organizzato dall’Ordine degli Architetti della provincia di Udine, parteciperà, in qualità di relatore Anna Pellizzari, executive director di Material Connexion Italia e curatrice con Emilio Genovesi della recentissima pubblicazione “Neomateriali nell’economia circolare’’.
Al centro dell'incontro i cosiddetti “circular materials”, ovvero tutti quei materiali ottenuti da fonti rinnovabili o rinnovate e trasformati seguendo precise logiche di conservazione e rispetto delle risorse, veri “protagonisti fisici” di quella che potremmo definire come una produzione industriale virtuosa.

 

I neomateriali dell’economia circolare


L’incontro approfondirà gli aspetti relativi alle tre grandi famiglie in cui questi materiali possono essere suddivisi, ovvero i “bio-based”, fondati su cicli naturali di sviluppo nell’ambito del regno vegetale e animale; i “neo-classici”, materiali riciclati che sono oramai da tempo stabilmente entrati nei processi produttivi; gli “ex-novo”, prodotti molto diversi fra loro che prendono vita al termine delle catene di produzione e di smaltimento.
Material Connexion Italia, sede nazionale della più grande rete mondiale di consulenza sui materiali innovativi e sostenibili, presenterà i neomateriali dell’economia circolare partendo dalla loro tassonomia, passando per le più interessanti applicazioni, ricerche e start-up e arrivando alle sfide che essi ci pongono per il futuro, proponendoci una serie di esempi concreti di applicazioni nel settore edilizia/arredo.
Paolo Tirelli, responsabile del reparto prove meccaniche di Catas, offrirà ai partecipanti una serie di informazioni su quanto attualmente previsto a livello normativo in tema di sostenibilità ambientale in Italia e in Europa, oltre a  proporre qualche esempio pratico di caratterizzazione fisico meccanica di alcuni di questi “neomateriali”. Non mancherà, in conclusione, un accenno alle caratteristiche e ai possibili sviluppi delle filiere produttive di alcuni tra i materiali più significativi.
L’incontro è reso possibile dalla oramai quinquennale collaborazione fra Catas e Material Connexion Italia, che ha come obiettivo aggiornare produttori d’arredo, designer e architetti sul tema dei nuovi materiali attraverso incontri ed eventi; un'attività che vede anche la presenza di una ricca selezione di materiali della “materioteca” milanese nella sede di San Giovanni al Natisone.
L’evento è rivolto a produttori di arredo domestico e contract, architetti e designer. Agli architetti partecipanti verranno attribuiti n. 2 crediti formativi professionali.
L’evento è gratuito previa iscrizione.

Tags

Condividi sui social


ARTICOLI CORRELATI
Materials Village 2018: tecnologie dedicate al colore e sostenibilità  10181

Anche quest'anno si svolgerà durante la Milano Design Week dal 16 al 22 aprile presso Superstudio Più, Materials Village, l’hub di Material ConneXion Italia dedicato a materiali, nuove tecnologie e sostenibilità.

Fima Carlo Frattini presenta il nuovo impianto galvanico a impatto zero 10082

Il reparto produttivo di FIMA Carlo Frattini è da oggi dotato di un nuovo impianto galvanico a impatto zero, unico nel settore della rubinetteria in Italia.

Le nuove vernici per legno all’acqua Iridea BIO di Ica protagoniste al Fuorisalone  10185

Ica al Fuorisalone di Milano con un evento ironico ed eco-sostenibile per presentare la nuova linea di vernici per legno all’acqua Iridea BIO, realizzata senza petrolio e con un ciclo di produzione a bassissimo impatto ambientale.