Indagine congiunturale Acimall: positivo anche il quarto trimestre 2017

Previsioni ottimistiche per il 2018

Indagine congiunturale Acimall: positivo anche il quarto trimestre 2017

Condividi sui social

I dati emersi dalla tradizionale indagine congiunturale elaborata dall’Ufficio studi Acimall, l'associazione confindustriale dei costruttori di macchine per il legno e i suoi derivati, evidenziano che anche il quarto trimestre 2017 si è chiuso positivamente con una crescita degli ordini del 36,8 per cento rispetto all’analogo trimestre 2016 (era il 42,9 per cento nel periodo luglio-agosto, sempre confrontando il trimestre con lo stesso periodo dell’anno precedente). Questo dato è la sintesi dei risultati conseguiti dalle commesse in arrivo dall’estero, cresciute del 35,2 per cento (il 51,5 nel trimestre precedente) e dell’ottimo andamento della domanda italiana, che si attesa a quota più 49,5 per cento rispetto al periodo ottobre-dicembre 2016 (era il 19,7 nel secondo trimestre).
“E’ indubbio che gli utilizzatori italiani siano oramai nel pieno di un clima di maggior fiducia e che questo, unitamente agli interventi di sostegno statali, stiano generando una robusta domanda, superiore anche alle più rosee aspettative”, ha commentato Dario Corbetta, direttore di Acimall. “Risultati che non sono solo motivi di ovvia soddisfazione per i costruttori di tecnologie, ma che preludono a una crescita di competitività dell’intero sistema: il settore del legno e dell’arredo negli scorsi anni ha dovuto affrontare una stagione estremamente complessa, riducendo al minimo ogni investimento. Dotarsi oggi di tecnologie più innovative e aggiornate significa poter disporre di strumenti più efficaci e performanti, produrre di più e meglio in piena ottica “Industria 4.0”, sfruttando l’interconnessione fra tecnologia e sistemi di gestione aziendale per recuperare competitività e anche capacità propositiva in termini di prodotto”.
Dall'indagine di Acimall emergono altri dati interessanti, primo fra tutti un carnet ordini che sale a 3,6 mesi (erano 3,4 nel trimestre precedente), un dato che permette subito di comprendere quali effetti avrà l’andamento dell’ultimo trimestre 2017 sulle previsioni per l’anno appena iniziato.
I prezzi dal primo gennaio mostrano una sostanziale stabilità, attestandosi al più 1,1 per cento, lo stesso dato del periodo luglio-settembre. Un altro dato interessante riguarda l’opinione degli intervistati in merito al trend della produzione, valutata in crescita dal 50 per cento, stabile per l’altro cinquanta per cento. Occupazione stabile per il 72 per cento del campione, in crescita per il 28 per cento.

 

Preconsuntivo 2017


Positivo anche il trend che emerge dal pre-consuntivo elaborato sempre dall’Ufficio studi di Acimall. Secondo gli ultimi dati, nel 2017 si è raggiunto un valore della produzione pari a 2,29 miliardi di euro, l’11,6 per cento in più rispetto all’anno precedente. Ottimo l’andamento delle esportazioni, che si sono attestate a 1,6 miliardi di euro, il 7,1 per cento in più rispetto al 2016. Tra i nostri migliori clienti figurano al primo posto gli Stati Uniti, che hanno comperato tecnologie italiane per il legno per un valore pari a 165,5 milioni di euro, seguiti dalla Germania (105,8 milioni), dalla Polonia (102,4 milioni) e dalla Francia (92,5 milioni). In aumento anche il valore delle importazioni (199 milioni di euro, più 10 per cento rispetto all’anno precedente).
Anche il mercato interno prosegue verso la crescita, grazie soprattutto ai provvedimenti di sostegno all’investimento varati negli ultimi anni dal Governo italiano, con chiare previsioni di ulteriori progressi nel breve e medio periodo: nel 2016 i “consumatori” italiani di macchine per il legno hanno investito 743 milioni di euro, diventati 894 (140 milioni in più) nel 2017 e tutto sembra indicare che il 2018 possa vedere un mercato interno vicino al miliardo di euro, il nuovo record dopo i 900 milioni del 2001.
Per quanto riguarda le previsioni il 72 per cento del campione ritiene che nel breve periodo gli ordini dall’estero aumenteranno ulteriormente, mentre per il 28 per cento non ci saranno variazioni di rilievo. Per quanto riguarda il mercato interno il 39 per cento del campione crede in un trend positivo; per il 56 per cento di dovrà parlare di stabilità mentre il 5 per cento si attende un calo.

 


TAGS


Condividi sui social

Articoli correlati