Oltre 200 imprenditori e operatori all'Assemblea Generale di Federlegno Arredo

La filiera legno-arredo conferma la sua volontà propositiva e innovativa

Oltre 200 imprenditori e operatori all'Assemblea Generale di Federlegno Arredo

Condividi sui social

L'Assemblea Generale di Federlegno Arredo, che si è svolta quest'anno a Mogliano Veneto (Treviso), ha visto la partecipazione di oltre 200 imprenditori e operatori per un importante momento di vita associativa.
Presente il presidente di Confindustria Veneto, Matteo Zoppas, che ha sottolineato l'importanza della collaborazione tra Confindustria Veneto e FederlegnoArredo a dimostrazione del fatto che condividere progetti e fare sistema contribuisce a trovare soluzioni ai bisogni dei territori e delle  imprese.
Il confronto dell'intero comparto è stato intenso e conferma come la categoria sia desiderosa di guardare avanti.  Il presidente di FederlegnoArredo, Emanuele Orsini, ha tracciato un quadro positivo dell'associazione: "Siamo riusciti ad assicurare il mantenimento e la proroga di alcune misure che riteniamo assolutamente indispensabili per la tenuta del settore: detrazioni per la riqualificazione energetica ed edilizia, il bonus mobili. Grazie al dialogo con il Mise abbiamo ottenuto l'inserimento nel Dl Crescita del credito di imposta in favore delle pmi per la partecipazione alle fiere internazionali di settore e il rifinanziamento del piano per la promozione straordinaria del Made in Italy: 90 milioni di euro nel 2019, che ci consentiranno di continuare a supportare la filiera sui mercati internazionali e di rafforzare ulteriormente gli investimenti sulle manifestazioni fieristiche”.
Al centro dell'Assemblea anche il tema della cultura, alleata del design, e l'attenzione al futuro del Paese, a partire dai giovani.  FederlegnoArredo ha inoltre illustrato ai soci un'importante novità: la nuova sede sarà progettata da Michele De Lucchi. E proprio l'archistar ha presentato le caratteristiche del nuovo quartier generale.
Molto positivi sono stati anche i riscontri dei lavori dei tavoli pomeridiani, coordinati dal giornalista Nicola Porro che si sono focalizzati su temi importanti per il settore, dal turismo alle costruzioni, dalla formazione alla blockchain, passando per l’economia circolare.


Dati economici della filiera legno-arredo


In un contesto economico che per il 2018 ha registrato notevoli preoccupazioni sia sul versante interno che su quello internazionale, le imprese della filiera legno-arredo segnano un risultato positivo. La produzione complessiva della filiera nel 2018 si attesta a 42,2 miliardi di euro, pari a un incremento dell’1,8% sul 2017.
Il sistema arredamento segna un +2% in termini di fatturato alla produzione, attestandosi a circa 16,4 miliardi di euro. Il 51% della produzione è destinata all’export: Francia e USA prime destinazioni, avendo questi ultimi superato la Germania e segnato un + 9,6% rispetto al 2017.
Il Veneto è la seconda regione in ordine di importanza della filiera legno-arredo dopo la Lombardia. Nel 2018 si conferma con circa 6,8 miliardi e una crescita dello 0,7%. La prima provincia della filiera è Treviso, che da sola realizza oltre 3,7 miliardi di euro. Il saldo commerciale veneto è molto elevato e per il solo arredo supera i 2,6 miliardi di euro. Le destinazioni prevalenti sono Francia, Germania, USA e Regno Unito.

 


TAGS


Condividi sui social

Articoli correlati