CIFM/interzum guangzhou 2018: la Cina grande mercato per il settore

Uno spazio sarà dedicato alla produzione personalizzata di mobili

CIFM/interzum guangzhou 2018: la Cina grande mercato per il settore

Condividi sui social

CIFM/interzum guangzhou 2018,  il Salone internazionale della subfornitura per l’industria del mobile e dei macchinari per la lavorazione del legno, si terrà negli spazi del China Import and Export Fair (Pazhou Complex) di Guangzhou dal 28 al 31 marzo 2018. E' prevista la presenza di oltre 1300 espositori provenienti da trenta Paesi: innanzituto Germania e Italia seguite dal Giappone, dalla Spagna, dalla Malesia, da Singapore, dagli Stati Uniti, dal Belgio, dalla Francia, dalla Danimarca, dalla Lituania.
Più di 150mila i metri quadrati occupati in cinque padiglioni che verranno divisi per aree tematiche per semplificare la visita agli operatori del settore: Macchine per la lavorazione del legno, Tecnologie per l’industria dell’imbottito, Materiali e tessuti, Forniture e componenti.
Numerose anche quest'anno saranno le collettive organizzate da enti nazionali tedeschi, statunitensi,  canadesi e turchi e da associazioni come ad esempio French Timber, American Hardwood Export Council, Malaysian Timber Council, Canada Wood e Quebec Wood Export Bureau.
CIFM/interzum guangzhou 2018 richiama le più significative aziende dei settori presenti fra cui Scm, Biesse, Fgv e Sige dall’Italia; Homag, Duerkopp, Okin, Covestro, Schattdecor, Pollmeier dalla Germania; Dtc, Taiming dalla Cina; Linak dalla Danimarca; Bekaert Deslee, Artilat/Global Textile Alliance/Monks dal Belgio; Boyteks Tekstil (Turchia); Alvic e Lamigraf (Spagna); Titus (Regno Unito); Bostik (Francia) e H. B. Fuller dagli Stati Uniti. Parteciperanno per la prima volta altre aziende italiane come F.lli Cinetto, Aper, Ebanisteria Marelli e Saveplac.
Del resto il mercato cinese è in continua evoluzione e specialmente quello delle abitazioni per cui i prodotti e le idee proposte a CIFM/interzum guangzhou 2018 possono offrire interessanti soluzioni  esteticamente valide e che rispondano soprattutto a quell'esigenza sempre più forte di personalizzazione, di “customizzazione”, di flessibilità dei processi produttivi.

 

Una nuova area dedicata alla personalizzazione


“Ci sono precisi segnali che indicano come la personalizzazione del mobile, la realizzazione di soluzioni d’arredo che possano soddisfare specifiche richieste dei consumatori cinesi sia destinata a crescere a un ritmo del 20 per cento annuo ancora per diverso tempo”, ha commentato Thomas Rosolia, amministratore delegato di Koelnmesse srl, la filiale italiana dell’ente fieristico tedesco. “Esiste una fascia di popolazione che negli ultimi anni ha dimostrato di rappresentare una concreta opportunità di business per le industrie di settore più attente. Stiamo parlando di consumatori di età media, con un ottimo potere d’acquisto, conquistati dai trend del design degli ultimi decenni e che finalmente possono circondarsi di quegli oggetti, di quelle espressioni di stile, di gusto e di funzionalità che hanno sempre apprezzato. Consumatori che ricercano personalità, valori estetici ma anche comfort, senza tralasciare i temi della “environmental friendliness”, della eco-compatibilità e sostenibilità, argomenti che anche in Cina stanno determinando una considerevole e nuova presa di coscienza da parte di molti”.
L'edizione 2018 di CIFM/interzum guangzhou guarderà con attenzione proprio a questi temi, dedicando uno spazio a “Furniture Customization zone”, una nuova area tematica” dedicata alla “produzione personalizzata” di mobili. Questa “Furniture Customization zone” rappresenterà per il mercato cinese un'occasione per comprendere come i migliori produttori di tecnologie e componenti di tutto il mondo rispondano a questa esigenza, peraltro da tempo nota in Europa e in altre aree del mondo e ora di grande attualità anche in Cina.

 


TAGS


Condividi sui social

Articoli correlati