Sostenibilità ambientale: crescono in Italia i consumi responsabili e le aziende green

Il Report 2020 di FSC Italia conferma il trend positivo della sostenibilità e della certificazione nel nostro Paese

Report 2020 di FSC Italia

Condividi sui social

Come ogni anno il Forest Stewardship Council (FSC) Italia, ONG che promuove la gestione responsabile delle foreste, pubblica un Report con i dati principali e le tendenze registrate nell’anno appena concluso. Dai dati del 2020 emerge che cresce in Italia la richiesta di certificare con criteri di sostenibilità ambientale i prodotti di origine forestale che troviamo nella nostra quotidianità, confermando il trend positivo della sostenibilità e della certificazione nel nostro Paese.
FSC Italia registra infatti, per il secondo anno consecutivo, un aumento del 10% di aziende con certificati attivi della cosiddetta “Catena di Custodia” (CoC): a fine 2020 erano 2.831, con oltre 3.500 siti produttivi coinvolti. “Registriamo un aumento della richiesta di materiale e prodotti di origine sostenibile: lo chiedono le aziende, volte a dimostrare il loro impegno per filiere trasparenti; lo vogliono i cittadini, sempre più disposti a premiare le realtà virtuose dal punto di vista sociale ed ambientale” afferma Diego Florian, Direttore di FSC Italia.

 

Certificazione FSC in Italia: il report 2020


Il 2020, che verrà certamente ricordato come l’anno del COVID-19, ha determinato profondi  cambiamenti alle nostre abitudini e ai sistemi di produzione e consumo. E' cambiata e anzi si è rafforzata, la richiesta di maggiore sostenibilità e responsabilità. La consapevolezza del ruolo determinante che gli ecosistemi degradati possano avere nella nascita e diffusione di patogeni altamente trasmissibili ha fatto sì che, accanto alla paura, crescesse la volontà di cittadini e imprese di contribuire ancora di più alla conservazione delle foreste e degli habitat naturali mondiali, attraverso l’uso di materie prime di origine sostenibile.

 

Una filiera sempre più sostenibile


Anche se i numeri maggiori si registrano ancora una volta in settori come carta stampata e packaging, i trend di crescita più sostenuti riguardano invece il legno-arredo e il tessile. Sono infatti ben 70 i nuovi certificati rilasciati nel 2020 (+13,6%) nel settore del mobile, per un totale di ben 585 certificati attivi, di cui 485 relativi ad aziende attive nella produzione di mobili e accessori per gli interni e 100 per l’outdoor. Sono invece 34 (+57,6%) i nuovi certificati nel settore dei filati e dei tessuti (rayon, viscosa, modal, acetato di cellulosa e lyocell), per un totale di 93 certificati attivi.
Questa crescita dei prodotti certificati FSC si è riflessa anche nella disponibilità delle aziende a comunicare e promuovere il proprio impegno verso la sostenibilità ambientale.
Fare, fare bene e, soprattutto, farlo sapere: è questa infatti la motivazione che spinge sempre più aziende a promuovere il proprio impegno attraverso l’uso promozionale del marchio FSC: nel 2020 sono state 87 le aziende che hanno usufruito della licenza a scopo promozionale dei marchi FSC tramite il Promotional License Agreement (PLA), con 16 nuovi contratti siglati e un incremento a valore del 25% rispetto all’anno precedente.

 

In aumento anche le foreste


Per quanto riguarda le foreste, sono 68.486 gli ettari di bosco certificato FSC nel nostro Paese, suddivisi in 19 certificati attivi: un dato in leggero aumento rispetto al 2019 (+3,21%). “Siamo un Paese forestale - spiega Florian - in cui mancano ancora punti di contatto tra boschi, società ed industria nazionale dei settori legno, carta e derivati. Fortunatamente, stanno aumentando le realtà che decidono di far verificare e remunerare gli impatti positivi della propria gestione forestale sui servizi naturali, i cosiddetti servizi ecosistemici: un fattore che può funzionare da volano per una nuova, più consapevole economia verde e per valorizzare il lavoro e la presenza sul territorio dei gestori forestali”.  
Nel 2020 sono state tre (Unione dei Comuni Valdarno e Valdisieve, Magnifica Comunità di Fiemme e Agris Sardegna) le nuove realtà che in Italia hanno deciso di quantificare i servizi naturali offerti dai boschi come stock di anidride carbonica, conservazione dell’acqua, del suolo e della biodiversità, e miglioramento dell’offerta turistico-ricreativa e culturale, mettendoli a disposizione di investitori e sponsor interessati a sostenere finanziariamente chi si impegna per mantenerli.


La gestione forestale responsabile in Europa e nel mondo


A livello internazionale, gli ettari di foreste certificate FSC nel mondo sono 221.201.420 (+10% nell’ultimo anno) in oltre 80 Paesi. Tra le aree che crescono di più in Europa ci sono Repubblica Ceca, Estonia, Finlandia, Svezia e Russia, mentre nel continente africano sono rilevanti i trend di Repubblica del Congo e Namibia, e di Cina e Turchia per l’Asia. I certificati di gestione forestale raggiungono quota 1.739 (+4.2% a livello globale e +9,6% in Europa).  
Nel mondo sono aumentate del 10,9% le aziende certificate operanti in 130 Paesi (totale 44.751, in Europa l’aumento è dell’8,8%). In questo contesto, è importante segnalare che l’Italia detiene ancora il primato europeo per numerosità di certificati attivi ed è il secondo Paese a livello mondiale.


TAGS


Condividi sui social

Articoli correlati