Assopiuma: le nuove etichette piuma/piumino 100% biodegradabile

La garanzia per i produttori di imbottiti e i consumatori finali che la piuma è una risorsa naturale, sostenibile, tracciabile e biodegradabile

Assopiuma etichette piuma 100% biodegradabile

Condividi sui social

Assopiuma, l’associazione italiana che dal 1981 unisce i principali produttori di imbottiture in piuma, pone l'accento sulla sostenibilità ambientale del materiale, aggiornando il sistema di etichettatura con l'aggiunta della dicitura “piuma 100% biodegradabile”.
La sostenibilità ambientale è certamente oggi un aspetto molto importante e da tenere in forte considerazione per un approccio progettuale sempre più green oriented e per un acquisto sempre più consapevole dei prodotti.

 

Le nuove etichette “piuma 100% biodegradabile”


Le etichette sono la garanzia per i produttori di imbottiti e per i consumatori finali che la piuma sia una risorsa naturale, sostenibile, tracciabile e biodegradabile. A seguito di test rigorosi e di una certificazione rilasciata dal laboratorio analisi specializzato Hohenstein, Assopiuma ha ricevuto dati scientifici che riguardano tempistiche e modalità di degradazione della piuma.
Sulla base di questi dati, Assopiuma ha voluto aggiornare il sistema di etichettatura che, pur mantenendo la suddivisione in imbottiture “avorio” e “oro”, aggiunge la dicitura “piuma 100% biodegradabile”. Per sottolineare l'attenzione alla tutela ambientale dei produttori è stato anche modificato in verde il nuovo colore di stampa.

 

La piuma, un materiale completamente biodegradabile


Grazie alla loro origine 100% naturale, le piume sono completamente biodegradabili.  Terminato il lungo ciclo di vita possono infatti essere trasformate, all’interno di impianti di compostaggio, in concime azotato utilizzabile in agricoltura e per il giardinaggio domestico, reintegrandosi così nel ciclo biologico-vitale. Anche se disperse involontariamente nell’ambiente, degradano in pochi mesi e non inquinano il terreno o le falde acquifere.

 


TAGS


Condividi sui social

Articoli correlati