Poliuretano espanso: conferenza annuale Europur & Euro-Moulders 2019 a Lisbona

Tra gli argomenti trattati l'economia circolare e il riciclo

Poliuretano espanso: conferenza annuale Europur & Euro-Moulders 2019 a Lisbona

Condividi sui social

Circa 400 rappresentanti di 115 organizzazioni di poliuretano espanso flessibile provenienti da  Europa, Nord America e Asia si sono riuniti il 12 e 13 giugno scorso a Lisbona per l'annuale conferenza di Europur (l'associazione europea dei produttori di poliuretano espanso flessibile) e di Euro-Moulders (l'Associazione europea dei produttori di poliuretano stampato per l'industria automobilistica).
Nel corso dei due giorni sono stati affrontati numerosi temi di grande attualità come ad esempio l'economia circolare, il problema del fine vita e del riciclo di materassi, mobili e dei poliuretani espansi flessibili.
Il secondo giorno della conferenza ha visto invece al centro temi più tecnici come i ritardanti di fiamma (flame retardants), gli odori e le emissioni VOC, gli additivi, la gestione dei prodotti, la salute e la sicurezza dell'ambiente di lavoro e gli aggiornamenti delle ultime normative europee e nordamericane relative ai poliuretani espansi flessibili.

 

Il rapporto sul mercato europeo del poliuretano espanso flessibile per il 2018


Come sempre momento qualificante dell'Assemblea è stata anche la presentazione del Rapporto sul mercato europeo del poliuretano espanso flessibile nel 2018 secondo i dati raccolti da Labyrinth Research & Markets Ltd. Secondo questi dati la produzione totale di poliuretano espanso flessibile nei 28 Stati membri dell'Unione Europea oltre che in Norvegia, Svizzera, Albania, Bielorussia, Bosnia, Kazakistan, Kosovo, Serbia, Macedonia, Ucraina, Russia e Turchia ha raggiunto 1,7 milioni di tonnellate nel 2018. Di queste 388.000 tonnellate sono state di poliuretano espanso stampato, in calo rispetto alle 410.000 dell'anno precedente e 1.318.000 tonnellate di poliuretano espanso in blocchi, anche in questo caso in calo del 4% rispetto all'anno precedente.
Le principali ragioni di questo calo nella produzione sono dovute soprattutto al passaggio dalla richiesta di prodotti di elevata qualità high resilient HR e viscoelastici a schiume a bassa densità da parte di utenti finali nel settore dei materassi e dei mobili imbottiti.

 


TAGS


Condividi sui social

Articoli correlati