CERCA NEL PORTALE

Obiettivi della Circular Economy: la risposta dell'industria del poliuretano espanso

Efficienza delle risorse e riciclo

Obiettivi della Circular Economy: la risposta dell'industria del poliuretano espanso

La definizione di una politica comunitaria mirata a ridurre il consumo di risorse non rinnovabili e a promuovere il riutilizzo e il recupero dei manufatti a fine vita ha visto il suo adempimento con la presentazione, avvenuta il 2 dicembre 2015  da parte della Commissione Europea, di un pacchetto europeo sull’Economia Circolare in cui viene analizzata l’interdipendenza di tutti i processi della catena del valore: dall’estrazione delle materie prime alla progettazione dei prodotti, dalla produzione alla distribuzione, dal consumo al riuso e al riciclo dei materiali.
Questo pacchetto è composto da un Piano d’azione che individua le misure chiave e le aree specifiche di intervento e da quattro proposte di revisione e modifica delle principali direttive per la Gestione dei Rifiuti che comprendono anch’esse misure volte a stimolare una maggior circolarità dei “rifiuti che possono tornare ad essere risorse”.
In particolare, il Piano d'azione integra le proposte relative alla legislazione sui rifiuti stabilendo misure che impattano su tutte le fasi del ciclo di vita dei prodotti. Tra le misure previste dal Piano, particolare importanza assumono quelle che incideranno sulla progettazione dei prodotti finalizzata alla loro riparabilità, durabilità e riciclabilità.
Le quattro proposte di revisione e modifica delle principali direttive per la Gestione dei Rifiuti riguardano il riutilizzo e riciclaggio meccanico, il recupero dell'energia, il riciclaggio termochimico e il riciclaggio chimico.

 

Il documento di Europur e Aipef


L’industria europea del poliuretano espanso flessibile, attraverso la sua associazione di riferimento (EUROPUR), ha predisposto un documento che descrive lo stato dell’arte sulle possibilità di recupero delle imbottiture in poliuretano a fine vita e le prospettive di sviluppo per dare risposta agli obiettivi della Circular Economy che tendono all’esclusione della discarica come via di smaltimento dei rifiuti.
Il documento, alla cui stesura ha collaborato anche AIPEF, può essere consultato attraverso il seguente link:  http://www.europur.org/sustainabilty/recycling.

 

 

Tags


Condividi sui social


ARTICOLI CORRELATI