Bonus mobili ed elettrodomestici: prorogato e innalzato il tetto di spesa a 16mila euro

Una manovra che soddisfa Assarredo e Federmobili dando slancio e impulso a tutto il settore arredamento

bonus mobili e bonus idrico 2021

Condividi sui social

La Legge di Bilancio 2021 prevede non solo la proroga del Bonus mobili ed elettrodomestici, ma aumenta anche il tetto di spesa che viene alzato a 16mila euro, rispetto ai 10mila previsti fino al 2020. Altra importante novità inserita nella Legge di Bilancio 2021 è l'introduzione del cosiddetto Bonus idrico pari a 1.000 euro per la sostituzione di vasi sanitari, rubinetteria e soffioni doccia con nuovi apparecchi a scarico ridotto.
Estremamente soddisfatti dei risultati ottenuti le associazioni di categoria, innanzitutto Assarredo e Federmobili, che ritengono queste misure essenziali per dare slancio e impulso a tutto il settore arredamento.
Il presidente di Assarredo Maria Porro e il presidente di Federmobili Mauro Mamoli in una nota congiunta hanno infatti dichiarato: "Fin dalla sua introduzione il Bonus mobili si è dimostrato uno strumento utile e apprezzato sia dalle famiglie che, naturalmente, dalle aziende del settore. L'innalzamento del tetto di spesa da 10mila a 16mila, richiesto e sostenuto da Federmobili Confcommercio per Imprese per l'Italia e Assarredo di FederlegnoArredo e inserito nella Manovra 2021, rappresenta pertanto il riconoscimento della validità della misura e sancisce il cambiamento di prospettiva imposto dalla pandemia nei confronti della casa. Un luogo che si è trasformato improvvisamente in ufficio, classe e spazio di condivisione costante fra tutti i componenti della famiglia, spesso costretta a rivedere il layout degli ambienti o a modificare gli arredi per rispondere alle nuove necessità".


Bonus mobili ed elettrodomestici 2021


Il Bonus mobili consiste in una detrazione Irpef per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici di classe non inferiore ad A+ (A o superiore per forni e lavasciuga), per arredare un immobile oggetto di ristrutturazione. La detrazione va calcolata su un importo massimo che fino al 2020 è stato di 10mila euro e dal 2021 salirà a 16mila. Questo importo è comprensivo anche di eventuali spese di trasporto e montaggio. Il rimborso del 50% della spesa avverrà con una detrazione ripartita in dieci quote annuali di pari importo.  La data di acquisto dei mobili e degli elettrodomestici deve essere successiva rispetto alla data di inizio dei lavori di ristrutturazione. Per accedere al Bonus mobili è necessario effettuare i pagamenti con bonifico o carta di debito o di credito.
La Legge di Bilancio 2021 ha prorogato anche l’ecobonus con le aliquote del 50 e del 65%, il bonus facciate, il bonus verde e il superbonus 110%. Per dare sostegno a uno dei settori più colpiti dalla pandemia, ovvero quello degli allestitori fieristici e di eventi, è stata inoltre fissata l’esenzione per gli allestitori di fiere ed eventi dal pagamento della prima rata 2021 IMU sugli immobili.
"Dal 2013 ad oggi il Bonus mobili è stato utilizzato da 200mila beneficiari all’anno a dimostrazione di quanto sia una misura capace di smuovere il mercato interno. Il Bonus idrico - spiega FederlegnoArredo - rientra in una visione più ampia che la Federazione ha della sostenibilità e del risparmio delle materie prime: accanto all'efficientamento energetico del patrimonio immobiliare, l'efficientamento idrico è l'altro indispensabile tassello. L'esenzione dal pagamento IMU per gli allestitori, che da febbraio a tutt'oggi sono fermi, con perdite di fatturato che sfiorano il 90 per cento, pur nella consapevolezza che non costituisca la soluzione di tutto, è pur sempre un intervento che va nella giusta direzione".  

 


TAGS


Condividi sui social

Articoli correlati