Csil: disponibile la Nota Previsionale di giugno per il settore del mobile in Italia

Anticipa l'edizione di novembre del Rapporto di Previsione sul Settore del mobile in Italia, 2022-24

Csil, Centro Studi Industria Leggera

Condividi sui social

E' disponibile anche quest'anno la Nota Previsionale di giugno per il settore del mobile in Italia, elaborata da Csil, come anticipazione della nuova edizione del Rapporto di Previsione sul Settore del mobile in Italia, 2022-24.
La Nota, di circa 20 pagine, contiene i dati a consuntivo del 2020 e le previsioni per il 2021-2023 per il settore del mobile nel suo complesso per produzione, consumi, importazioni ed esportazioni; i dati a consuntivo del 2020 e le previsioni per il 2021-2023 per i 4 comparti (imbottito, cucina, ufficio, altri mobili per la casa) per produzione, consumi, importazioni ed esportazioni ed infine i dati del commercio estero dell'aggregato del mobile 2015-2020 per partner commerciale, aggiornati con i dati a disposizione a inizio giugno.

 

I primi dati in attesa del Rapporto Csil di novembre


Dopo un breve inquadramento generale sull'economia italiana e internazionale e gli effetti della pandemia, il Rapporto approfondisce il settore del mobile fornendo informazioni sull’andamento generale della produzione, del mercato italiano e dei mercati esteri, sulle esportazioni italiane di mobili, sulla domanda estera rivolta ai mobili italiani, sulle importazioni italiane di mobili e sul grado di apertura del settore.
All'interno del Rapporto, in uscita come al solito a novembre, si potrà poi trovare un quadro aggiornato e più dettagliato del settore del mobile in Italia al 2021 e delle sue prospettive al 2024.
Il prezzo di listino della "Nota di anticipazione", ed. giugno 2021, più il Rapporto di Previsione sul Settore del mobile in Italia, 2022-2024 (disponibile dal 29 novembre 2021, ed.2021, formato pdf + file in excel), è di euro 1000 + IVA 22%. Per ordini effettuati entro il 30 agosto sarà possibile acquistare la ricerca a euro 800 + IVA (sconto del 20%).

 


TAGS


Condividi sui social

Articoli correlati